Bonus fiscale 2018 per materiale pubblicitario? Sapevatelo!!!

 In Fisco, News

Da quest’anno è possibile accedere al “Bonus Pubblicità”

Imprese e professionisti ora possono richiedere uno sgravo fiscale applicabile sul materiale pubblicitario acquistato per la promozione della propria attività.

In cosa consiste?
Questo bonus è pensato per sostenere imprese e professionisti nella loro necessità di promuovere e far crescere le proprie attività e potranno beneficiare di un credito d’imposta, in relazione alle campagne pubblicitarie effettuate su quotidiani, periodici, emittenti televisive e radiofoniche.
È una delle novità introdotte dalla manovra correttiva dei conti pubblici (articolo 57-bis, decreto legge 50/2017), che da attuazione a quanto previsto dalla delega contenuta nella legge 198/2016, finalizzata all’introduzione di benefici fiscali legati ad “Investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani e periodici, nonchè sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali. il cui valore superi almeno dell’1% gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente”.

È accessibile ad imprese e ditte (individuali e non) di qualsiasi settore.
In particolare, il bonus prevede che, a decorrere dal 2018, venga attribuito un contributo per le attività che effettuano investimenti di questo tipo, sotto forma di credito d’imposta pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90% per microimprese, piccole e medie imprese, start up innovative.

Chi ha diritto al credito d’imposta?
La formulazione della norma è molto ampia, infatti, dalla sua lettura si evince che potranno beneficiarne “imprese e lavoratori autonomi” e sembra quindi includere in modo onnicomprensivo tanto le imprese a prescindere dalla loro forma giuridica, quanto i professionisti.
L’importante è che gli investimenti in questione siano “incrementali”, ovvero il loro valore deve superare almeno l’1% di quello relativo agli investimenti effettuati sugli stessi mezzi l’anno precedente.

Il credito d’imposta sarà poi utilizzabile esclusivamente in compensazione, mediante modello F24, previa istanza diretta al Dipartimento per l’informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio del Ministri.

Post recenti

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi